home > News > CONTABILITA' NEWS > ANNUNCIATA LA PROROGA DEI VERSAMENTI DEL MOD. REDDITI 2017

ANNUNCIATA LA PROROGA DEI VERSAMENTI DEL MOD. REDDITI 2017

Recentemente il MEF ha annunciato che è stato predisposto l’apposito DPCM contenente la proroga del termine per il versamento delle imposte risultanti dal mod. REDDITI 2017.

I versamenti possono essere quindi effettuati:

-          entro il 20.7.2017 senza alcuna maggiorazione;

-          dal 21.7 al 21.8.2017 (il 20.8 cade di domenica) con la maggiorazione dello 0,40%.

Rimane fissato al 30.6 / 31.7.2017 (con la maggiorazione dello 0,40%) il termine di versamento per i contribuenti non titolari di reddito d’impresa.

La proroga è stata estesa anche ai lavoratori autonomi, ma soprattutto ai versamenti IRAP e IVA derivanti dalle relative dichiarazioni.

 

SOGGETTI INTERESSATI

La proroga è rivolta quindi:

• alle imprese;

• ai lavoratori autonomi.

Pertanto interessa i titolari delle ditte individuali, le società di persone / di capitali ed enti equiparati. La stessa si estende anche ai soggetti titolari di redditi di partecipazione ossia:

  • collaboratori di imprese familiari;
  • soci di società di persone / associazioni professionali / società di capitali trasparenti.

Rispetto al passato, la proroga non è limitata ai soggetti che esercitano attività per le quali sono stati elaborati gli studi di settore e pertanto riguarda ora tutte le imprese / lavoratori autonomi a prescindere da tale condizione.

 

AMBITO OGGETTIVO

Come accennato, la proroga dal 21.7 al 21.8.2017 (il 20.8 cade di domenica), con la maggiorazione dello 0,40% trova applicazione per i versamenti “derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione in materia di imposta sul valore aggiunto di imprenditori e lavoratori autonomi” e pertanto interessa i versamenti delle imposte risultanti dalle seguenti dichiarazioni:

  • mod. REDDITI 2017, quali:

− il saldo 2016 e l’acconto 2017 IRPEF / IRES;

− le addizionali IRPEF;

− l’imposta sostitutiva regime dei minimi / forfetario;

− la cedolare secca;

− l’acconto del 20% per i redditi a tassazione separata;

− l’IVIE / IVAFE.

  • mod. IVA 2017, qualora il versamento sia differito alle scadenze previste per le imposte dirette;
  • mod. IRAP 2017.

Dalla proroga risultano escluse le persone fisiche private (titolari, ad esempio, solo di redditi di terreni / fabbricati, redditi diversi, di lavoro dipendente / pensione).

 

In base al Comunicato del 26.7.2017 la proroga riguarda i “versamenti delle imposte”; non viene fatto alcun riferimento in merito all’estensione della proroga ai contributi previdenziali IVS/Gestione separata INPS. Si ritiene comunque che lo slittamento sia applicabile anche in tale ambito, posto che, come specificato dall’INPS nella Circolare 23.6.2017, n. 104, i contributi “devono essere versati alle scadenze previste per il pagamento delle imposte sui redditi”.

Anche relativamente al diritto CCIAA 2017 si ritiene possibile effettuare il versamento, con la maggiorazione dello 0,40%, entro il nuovo termine prorogato. Infatti, come stabilito dall’art. 6, DM 21.4.2011, “il diritto annuale è versato, in unica soluzione, entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi”.