home > News > PAGHE NEWS > Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato

L’INPS, con il Messaggio n. 1144 del 13 febbraio 2015, fornisce ai datori di lavoro le istruzioni tecniche per la fruizione del nuovo esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel corso del 2015. Tali indicazioni integrano quanto contenuto nella Circolare INPS n. 17/2015. I datori di lavoro che intendono usufruire del nuovo esonero contributivo triennale devono, innanzitutto, inoltrare all’INPS, prima della trasmissione della denuncia contributiva del primo mese in cui si intende esporre l’esonero, la richiesta di attribuzione del codice di autorizzazione “6Y” avente il significato di “Esonero contributivo articolo unico, commi 118 e seguenti, legge n. 190/2014”. L’esonero contributivo si applica alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato, sia a tempo pieno che part-time, con decorrenza nel corso del 2015 (dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015); Il lavoratore, nel corso dei 6 mesi precedenti l’assunzione, non deve risultare occupato, presso qualsiasi datore di lavoro, in forza di un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Si ricorda che L’agevolazione in esame:

  • consiste nell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, ad eccezione delle seguenti forme di contribuzione:

- premi e contributi dovuti all’INAIL,

- contributo, se dovuto, al “Fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei Trattamenti di fine rapporto di cui all’art. 2120 del c.c.”, ossia il Fondo di Tesoreria INPS istituto dal 1° gennaio 2007 per le aziende con almeno 50 dipendenti;

- contributo, se dovuto, ai Fondi di cui all’art. 3, commi 3, 14 e 19, della Legge n.92/2012, ossia i Fondi di solidarietà bilaterali/Fondo di solidarietà residuale;

  • Si applica nel limite massimo di euro 8.060 annui;

  • spetta per un periodo massimo di 36 mesi a decorrere dalla data di assunzione del lavoratore, che deve essere compresa tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2015

L’Istituto, nella Circolare n. 17, fornisce importanti chiarimenti anche in relazione alle condizioni richieste perché sussista il diritto alla fruizione dell’esonero contributivo. In particolare, tale diritto è subordinato al rispetto da un lato, dei principi generali indicati nell’art. 4, commi 12 e 15 della Legge n.92/2012 (Riforma Fornero) e finalizzati a garantire un’omogenea applicazione degli incentivi all’assunzione, dall’altro, delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro e dell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori (al cui rispetto è subordinato il rilascio del DURC) e infine, di taluni presupposti introdotti ad hoc dall’art. 1, comma 118, Legge n. 190/2014 (Legge di Stabilità 2015).

Per maggiori informazioni, l'Uffico paghe è a disposizione per chiarimenti.