home > News > PAGHE NEWS > Garanzia giovani

Garanzia giovani

In Emilia-Romagna ha preso il via Garanzia Giovani, il programma dell’Unione europea che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 16 e i 29 anni, che hanno assolto l’obbligo di istruzione, che non studiano e non lavorano, l’ opportunità di acquisire nuove competenze ed entrare nel mercato del lavoro.
Chi vuole accedere al programma si deve iscrivere al portale regionale Lavoro per Te o al sito nazionale www.garanziagiovani.gov.it.
Effettuata l’iscrizione, entro 60 giorni il giovane fa un colloquio con il proprio Centro per l’impiego.
LE OPPORTUNITA' PER LE IMPRESE
Le opportunità che la Regione Emilia-Romagna mette a disposizione delle imprese che decidono di aderire al progetto sono:
Bonus occupazionale
Le imprese che assumono con un contratto a tempo indeterminato, anche di apprendistato professionalizzante, giovani dai 18 ai 29 anni, possono ricevere un incentivo tra i 1.500 euro e i 6.000 euro.
La misura è gestita direttamente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali attraverso l'INPS.

  • Requisiti delle imprese

In Emilia-Romagna possono beneficiare degli incentivi tutte le imprese private con sede di lavoro nell'ambito dei confini regionali che assumono a tempo indeterminato, anche con un contratto di apprendistato professionalizzante, un giovane iscritto a Garanzia Giovani. Le imprese devono essere in regola con:

- Le disposizioni in materia di adempimento degli obblighi contributivi, tutela delle condizioni di lavoro, rispetto di accordi e contratti collettivi nazionali, regionali, territoriali o aziendali (articolo 1, commi 1175 e 1176, della legge 296/2006

- Le condizioni previste dall’art. 4 commi 12, 13 e 15, della legge 92/2012

  • Entità del bonus

 Da 1.500 euro a 6.000 euro, in funzione della classe di profilazione del giovane. La classe risulta dalla valutazione della distanza del giovane dal mondo del lavoro, effettuata dal Ministero sulla base di indicatori regionali e delle informazioni sul suo profilo raccolte dal Centro per l’impiego durante il colloquio conoscitivo.

L’incentivo spetta anche in caso di rapporto a tempo parziale, purché sia concordato un orario di lavoro pari o superiore al 60% dell’orario normale. In questo caso, l'importo del bonus è riproporzionato in base all'orario di lavoro.

Per l'apprendistato professionalizzante è riconosciuto l'importo previsto per il rapporto a tempo indeterminato; qualora la durata del contratto inizialmente prevista sia inferiore a 12 mesi, l'importo complessivo è proporzionalmente ridotto. 

  • Modalità e termini per la richiesta

 Per richiedere l'incentivo, il datore di lavoro deve compilare la domanda preliminare di ammissione (modulo "GAGI") disponibile nei Servizi online per le aziende del sito dell'INPS,

Tirocini
Le imprese possono ospitare per tirocini della durata massima di 6 mesi giovani fino a 29 anni, che hanno assolto il diritto dovere all’istruzione e alla formazione professionale e che sono iscritti al programma. Dei 450 euro mensili che il datore di lavoro deve riconoscere al tirocinante come indennità minima di partecipazione, 300 euro sono finanziati da Garanzia Giovani. Il progetto viene stipulato da un  soggetto promotore iscritto all'apposito elenco dei soggetti autorizzati dalla Regione.
Tra i soggetti accreditati è presente anche ISCOM E.R. di cui Vi rilasciamo i contatti telefonici 0523/462873 e email Per qualunque richiesta di chiarimento Vi preghiamo di contattare l’Ufficio Paghe tel 0523/461859