home > News > CONTABILITA' NEWS > Legge di stabilità 2016: maxi ammortamenti

Legge di stabilità 2016: maxi ammortamenti

La Finanziaria 2016 consente, all’art. 1, commi da 91 a 94 e 97, alle imprese e lavoratori autonomi che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, di incrementare il costo di acquisizione del 40% al (solo) fine di dedurre maggiori quote di ammortamento/canoni di leasing.

L’agevolazione in esame consiste nella maggiorazione del 40% del costo del bene.

Come evidenziato nella Relazione illustrativa alla Finanziaria 2016:

la disposizione è finalizzata ad incentivare gli investimenti in beni strumentali nuovi attraverso una maggiorazione percentuale del costo fiscalmente riconosciuto dei beni medesimi, in modo da consentire, ai fini della determinazione dell’Ires e dell’Irpef, l’imputazione al periodo d’imposta di quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria più elevati. Tale maggiorazione produce effetti solo ed esclusivamente ai fini del computo delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria e ciò fino al suo completamento”.

Al costo maggiorato del bene devono essere applicati gli ordinari coefficienti di ammortamento stabiliti dal DM 31.12.88.

La disposizione in esame opera ai soli fini delle imposte sui redditi (IRPEF / IRES), e pertanto non ha alcun effetto ai fini IRAP.

Per i beni in leasing la maggiorazione, come sottolineato da ASSILEA (Associazione Italiana Leasing) nella Circolare 29.10.2015, n. 25, opera sulla quota capitale dei canoni.

A tal proposito va evidenziato che ai fini della maggiorazione rileva la data di stipula del contratto di leasing e non quella di riscatto del bene. Pertanto, la maggiorazione:

è applicabile al valore dei beni riscattati, anche successivamente al 31.12.2016, relativi a contratti stipulati nel periodo 15.10.2015 – 31.12.2016 (ad esempio, bene riscattato il 15.2.2019 relativamente ad un contratto stipulato il 10.12.2015);

non opera per i beni riscattati nel periodo agevolato 15.10.2015 – 31.12.2016 riferiti a contratti stipulati antecedentemente (ad esempio, bene riscattato il 14.3.2016 relativamente ad un contratto stipulato il 10.5.2013).