home > News > PAGHE NEWS > Nuovo indirizzo per l'invio via email del modello UNI_Intermittenti

Nuovo indirizzo per l'invio via email del modello UNI_Intermittenti

Si comunica il nuovo indirizzo per l'invio via email del modello UNI_Intermittenti:

Per la comunicazione della chiamata del lavoro intermittente, rapporto di lavoro che si manifesta qualora si presenti la necessità di utilizzare un lavoratore per prestazioni a carattere discontinuo, sono previste delle specifiche modalità di invio definite dal decreto interministeriale del 27 maro 2013. Il decreto conferma l'adozione del modello di comunicazione"Uni-intermittente" come strumento principale per l'adempimento della comunicazione, da compiere esclusivamente attraverso strumenti informatici. Il modello deve contenere i dati identificativi del lavoratore e del datore di lavoro e la data di inizio e fine cui la chiamata si riferisce.

La circolare 27 Giugno 2013 n.27 ha definito le modalità per l'invio della comunicazione intermittente, che deve essere effettuata esclusivamente:
- Attraverso il servizio informatico disponibile su Cliclavoro (per ulteriori dettagli contattare il vostro addetto all'Ufficio paghe)
- Via email, dopo aver scaricato il modello, all'indirizzo PEC appositamente creato: . Per utilizzare tale casella di posta, non è necessario che l'indirizzo e-mail del mittente sia un indirizzo di posta elettronica certificata, poichè è stata abilitata a ricevere comunicazioni anche da indirizzi di posta non certificata.
- E' prevista, inoltre, la modalità di invio tramite SMS esclusivamente in caso di prestazione da rendersi non oltre le 12 ore dalla comunicazione. L'invio tramite sms, dettagliato nella relativa guida all'utilizzo, potrà essere utilizzato solo dalle aziende registrate al Portale Cliclavoro e abilitate all'utilizzo del lavoro intermittente. L'SMS deve contenere almeno il codice fiscale del lavoratore. Il numero al quale inviare la comunicazione è 339 9942256.

In caso di malfunzionamento dei sistemi di trasmissione informatici, è possibile effettuare la comunicazione al numero fax della Direzione Territoriale del Lavoro competente. In tal caso, il datore di lavoro dovrà conservare la copia del fax unitamente alla ricevuta di malfunzionamento rilasciata direttamente dal servizio informatico come prova dell'adempimento dell'obbligo.

Ricordiamo ai Clienti che, a richiesta, deve essere esibita agli Organi Ispettivi, la prova di avvenuta comunicazione via email, via sms o fax.